Blog Amica Terra
Notiziario
Libri consigliati
Newsletter

Tieniti aggiornato sulle novità del sito tramite la nostra newsletter

Name:

Email:

Home Post Un suolo vivo è un suolo fertile

Un suolo vivo è un suolo fertile

 

La sera di lunedì 22 gennaio abbiamo parlato di suolo vivo e fertile!

Bisogna parlarne. Perché?
Ci sono numerose motivazioni ... ad esempio, che per la formazione
di 1 cm di suolo sono necessari ben 1000 anni… oppure che più del
95% della produzione di alimenti dipende proprio dal suolo

Oggigiorno assistiamo a spietati maltrattamenti del suolo, basti
pensare all’utilizzo smodato di erbicidi, pesticidi, fertilizzanti di sintesi,
a lavorazioni agricole troppo invasive e frequenti, alla
cementificazione selvaggia, a disboscamenti e tagli di siepi e alberi,
che conducono ad una estrema e pericolosa semplificazione del
paesaggio.


Tutto questo viene compiuto senza curarsi delle conseguenze.

Un suolo sano è un Superorganismo vivente in cui abitano numerosi
organismi che interagiscono fra loro e sono responsabili di molteplici
servizi ecosistemici, come, solo per citarne alcuni, i cicli dei nutrienti,
la degradazione della sostanza organica, il mantenimento di un
buon equilibrio idrico.


Ci rendiamo conto di quanto sono importanti questi servizi,
solamente quando vengono a mancare, ma in quel momento, forse,
è già troppo tardi!
 

Gli organismi che vivono in un suolo sano vanno dall’infinitamente
piccolo, pensiamo a batteri, funghi, attinomiceti, protozoi, nematodi,
fino a insetti, lombrichi, ragni, centopiedi ed altri invertebrati,
apprezzabili ad occhio nudo.

Ognuno di questi ha la sua preziosa funzione, ma esistono degli
organismi chiave, i cosiddetti ingegneri del suolo, che, con la loro
attività fisiologica, sono in grado di migliorarne le caratteristiche
fisico-chimiche e biologiche.
 

Fra questi sono da annoverare i lombrichi, dei veri direttori
d’orchestra del sottosuolo, infatti dirigono l'attività di
moltissimi microorganismi.

Alla fine dell'800 il celebre naturalista inglese Charles Darwin ha
pensato di dedicare un libro proprio a queste straordinarie creature!
 

La presenza di organismi bioindicatori, definiti come "strumenti
viventi" che possono dare informazioni sull'impatto delle pratiche
di gestione del suolo, e sintetizzata in indici di qualità biologica, è un
mezzo utile per monitorare la sostenibilità della gestione del
campo coltivato.

Sono stati presentati i risultati di uno studio sulla biodiversità del
suolo in campi coltivati a ortaggi a differente gestione agronomica
(biologica e convenzionale) svoltosi nell'ambito di una ricerca di
dottorato all'Università di Padova e finanziato da EcorNaturaSì (1).

Ebbene, i campi coltivati con il metodo biologico hanno manifestato
dei servizi ecosistemici significativamente più efficienti rispetto a
quelli convenzionali, evidenziando come l'adozione di pratiche
agronomiche più rispettose dell'ambiente e della biodiversità
renda il suolo assai più funzionante e performante.


Ma la biodiversità influisce su ciò che mangiamo? Pare proprio di sì!
Infatti dallo studio sono emerse moltissime correlazioni significative
fra le proprietà nutrizionali degli ortaggi e il "brulichio di vita" che
circonda gli ortaggi nel campo.
     

Quindi abbasso i fitofarmaci e i fertilizzanti di sintesi e viva il biologico!

Silvia Fusaro

(1) Fusaro S., Squartini A., Paoletti M.G. (2017) Functional biodiversity,
environmental sustainability and crop nutritional
properties: A case study
of horticultural crops in north-eastern Italy.
Applied Soil Ecology.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
  

 

Ultimo aggiornamento (Giovedì 01 Febbraio 2018 10:06)

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Notizie in breve
Prev Next

Estirpazione siepe a Cordignano

Comunicato stampa del 19 febbraio 2018  Ennesima batosta per i Palù di Orsago e Cordignano E' ora di dire basta!!!!!!!!!!!!!!! Come se non bastasse la sottostazione Enel, l'autostrada con relativo casello, il vecchio...

Administrator - avatar Administrator 21 Feb 2018 Hits:130 Ultime

Read more

L'abete più alto d'europa è caduto

Come tutti gli alberi e come non accade più agli umani erranti, è morto nel posto esatto dove è nato dal suo seme, da cui non si è mai...

Administrator - avatar Administrator 25 Nov 2017 Hits:165 Ultime

Read more

Piemonte: caccia sospesa nelle zone colp…

La Giunta regionale, nel corso di una seduta straordinaria tenutasi il 31 ottobre al termine della seduta antimeridiana del Consiglio, ha disposto la sospensione della caccia nei comprensori...

Administrator - avatar Administrator 06 Nov 2017 Hits:172 Ultime

Read more

GiovanOrti, braccia e campi di Capannori

Recuperare terreni incolti per sviluppare un network di produzione e consumo equo ed eco-sostenibile: questo l'obiettivo al quale stanno lavorando un gruppo di associazioni a Capannori, in Toscana....

Administrator - avatar Administrator 06 Nov 2017 Hits:182 Ultime

Read more

Rete internazionale per l'agricoltura bi…

È nata a Pisa la rete Organic LTEs, un network internazionale di ricercatori italiani e francesi impegnati nello studio dell’agricoltura biologica. continua a leggere

Administrator - avatar Administrator 28 Set 2017 Hits:198 Ultime

Read more
Chi è online
 7 visitatori online
Visitatori dal 2/6/2010
260790
OggiOggi8
IeriIeri75
Questa settimanaQuesta settimana150
Questo meseQuesto mese1293
TuttiTutti260790
Area riservata