Blog Amica Terra
Notiziario
Libri consigliati
Newsletter

Tieniti aggiornato sulle novità del sito tramite la nostra newsletter

Name:

Email:

Home Post Petizione No Pirogassificatore a Gaiarine

Petizione No Pirogassificatore a Gaiarine


 

di seguito il testo:

 

Petizione contro il progetto di un impianto di “PIROGASSIFICAZIONE” a GAIARINE

 

I sottoscritti cittadini, preso atto che:

  1. in data 26 maggio 2015 la ditta Cortus Energy Italy Srl ha presentato al Comune di Gaiarine un progetto e relativa domanda di autorizzazione alla costruzione ed esercizio di un impianto alimentato a biomassa per produrre energia elettrica e termica mediante cosìddetta  pirogassificazione, all'interno dell'area di proprietà del Gruppo Padana Ortofloricoltura in Via Resteiuzza, a Campomolino;
  2. l'impianto avrebbe la  una potenza elettrica di ben 2,074 MW e di 8,6 MW di potenza termica e brucerebbe sarmenti di vite per un quantitativo annuo di circa 150.000 quintali;
  3. la sua realizzazione è soggetta ad Autorizzazione Unica da parte della Regione Veneto, senza V.I.A., la Valutazione di Impatto Ambientale, a discapito del coinvolgimento del pubblico e della massima trasparenza, e pur in presenza di un ambito agricolo molto fragile;

4.       non si conoscono con certezza gli effetti della pirogassificazione sull'ambiente, sulla salute dei cittadini, sul clima locale causati dalle emissioni delle sostanze disperse in aria dal cammino alto 15 m e che dovrebbe emettere in atmosfera circa 17.246 Nmc/h: di fumi. E’ però sicuro che questo impianto, se realizzato, aggiungerebbe in atmosfera polveri sottili e altri inquinanti nocivi che peggiorerebbero di conseguenza la qualità dell'aria nel comune di Gaiarine e nei comuni limitrofi, andando in contrasto con l’articolo 1 (Principi e finalità) del D.Lgs. 155/2010 che esplicita al primo comma: a) individuare obiettivi di qualità dell’aria ambiente volti ad evitare, prevenire, o ridurre effetti nocivi per la salute umana e per l’ambiente nel suo complesso e  d) mantenere la qualità dell’aria ambiente, laddove buona, e migliorarla negli altri casi;

5.       la collocazione dell’impianto è prevista all’interno del vincolo del bosco Zacchi, che è Sito di Interesse Comunitario (SIC) e appartenente alla Rete Natura 2000, nonché Zona di Protezione Speciale dell'avifauna (ZPS), bosco che qualifica e dà prestigio al comune di Gaiarine in Italia ed in Europa;

  1. vi sono delle abitazioni ad una distanza di circa 150 metri dalla collocazione proposta per l'impianto. La ricaduta delle emissioni in atmosfera interesserebbe proprio queste abitazioni e i centri abitati di Gaiarine, Campomolino e di Vallonto, mentre l’impatto acustico dell’impianto si sommerebbe all’attuale situazione di rumore degli impianti già esistenti, questo in sfregio al fatto di trovarsi all’interno di una zona ZPS (zona a tutela speciale dell’avifauna);
  2. allo stato attuale pare non esistere alcuna certezza sulla qualità e l’origine del materiale che verrebbe utilizzato dall’impianto, industria insalubre di prima classe, che sarebbe realizzata in un'area agricola, vincolata e dove il PAT (Piano di Assetto del Territorio) non prevede la realizzazione di nessun tipo di impianto produttivo ma anzi la inquadra come area vincolata a parco di valenza regionale;
  3. l’impianto non sarebbe destinato al solo autoconsumo da parte dell'Azienda Gruppo Padana Ortofloricoltura e vedrebbe il suo ritorno economico incentrato essenzialmente sul conseguimento degli incentivi per la produzione d’energia da fonti alternative;
  4. il numero degli automezzi pesanti in entrata ed uscita sarebbe insostenibile per la viabilità della zona, via Resteiuzza ricade in vincolo fluviale e quindi questa strada non è modificabile ne ampliabile.

ritenendo che

nella realtà del Comune di Gaiarine e all’interno del vincolo del bosco Zacchi non esistano le condizioni per la costruzione di un impianto di tali dimensioni che tra l’altro peggiorerebbe la qualità dell’aria visto il mancato rispetto delle lettere a) e d) del comma primo dell’art. 1 del D.Lgs. 155/2010

chiedono

al Presidente della Regione del Veneto di non autorizzare tale impianto,

al Sindaco del Comune di Gaiarine, insieme alla sua Giunta e alla sua maggioranza,

A) di dichiararsi contrari all’impianto,

B) di adoperarsi con ogni mezzo affinché la Regione non autorizzi l’impianto privo di alcun vantaggio per i cittadini di Gaiarine,

C) di attivare i necessari ricorsi al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) del Veneto ed eventualmente al Consiglio di Stato, per bloccare l’eventuale autorizzazione della Regione del Veneto,

D) di far effettuare una valutazione dell'impatto sanitario dell'impianto.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 27 Ottobre 2016 13:08)

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Notizie in breve
Prev Next

Francia, il governo vieta l’uso del pest…

Il governo francese ha deciso di sospendere l’uso del meta sodio, un pesticida usato in particolare dai coltivatori, fino alla fine di gennaio 2019, dopo “il recente verificarsi...

Administrator - avatar Administrator 28 Ott 2018 Hits:19 Ultime

Read more

Cambiamenti climatici: anche la birra sa…

I cambiamenti climatici mettono a rischio anche la birra. È questa la conclusione a cui è arrivato uno studio sul riscaldamento globale condotto dagli scienziati della Peking University...

Administrator - avatar Administrator 28 Ott 2018 Hits:16 Ultime

Read more

Tap: cittadini, mondo accademico, sindac…

Il 24 ottobre 2018, per la prima volta in Italia, 18 associazioni e 1000 cittadini hanno formulato una diffida climatica nei confronti del governo italiano. L'oggetto della diffida è la...

Administrator - avatar Administrator 28 Ott 2018 Hits:15 Ultime

Read more

Nasce il Gruppo Unitario per le Foreste …

Cittadini, scienziati, ricercatori, medici, biologici e associazioni hanno dato vita al Gruppo Unitario per le Foreste Italiane che scende in campo per «preservare e mantenere il patrimonio forestale...

Administrator - avatar Administrator 28 Ott 2018 Hits:22 Ultime

Read more

Spaghetti

Spaghetti con grano canadese, salsa di pomodoro cinese e olio d’oliva tunisino: e vai!/ MATTINALE 128. Tutti a tavola! Per mangiare che cosa? La pubblicità delle tv ci racconta che...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:58 Ultime

Read more

Tifoni, uragani...

Tifoni, uragani... Ma perché la natura è sempre più violenta? Mentre in Giappone si fa la conta dei danni causati dal tifone Jebi, nelle isole Hawaii sembra scampato il pericolo ...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:46 Ultime

Read more

Vandana Shiva ha presentato al Sana

Vandana Shiva ha presentato al Sana il manifesto Food for Health: in tantissimi ad ascoltarla Sala strapiena e tanti applausi per Vandana Shiva, presidente di Navdanya International, che, insieme a un...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:45 Ultime

Read more

Morto Fabian Tomasi, il simbolo della lo…

Aveva 53 anni, lo ha ucciso una polineuropatia tossica, che gli era stata diagnosticata dopo che aveva trascorso anni ad aprire e mescolare pesticidi in un'azienda agrizola. Fabian Tomasi è...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:44 Ultime

Read more
Chi è online
 40 visitatori online
Visitatori dal 2/6/2010
269111
OggiOggi35
IeriIeri169
Questa settimanaQuesta settimana296
Questo meseQuesto mese1398
TuttiTutti269111
Area riservata