Blog Amica Terra
Notiziario
Libri consigliati
Newsletter

Tieniti aggiornato sulle novità del sito tramite la nostra newsletter

Name:

Email:

Home Post Il fosso e il leone

Il fosso e il leone

Potrebbe sembrare il titolo di un film; di quale genere non saprei, ma l’accostamento sarebbe comunque singolare al punto giusto. Invece non c’entra nulla, nel senso che non è ficscion (scrivo questi termini come si leggono), ma è realtà: dura e sconfortante realtà.

Ma andiamo con ordine e in ordine inverso. Prima il leone.
Tutti sapete di cosa sto per parlare: non fosse altro perché gli organi d’informazione hanno dato gran risalto al fatto. Un fatto grottesco, nel suo genere e in certa misura emblematico, ma in generale poco significativo. Poco importante, insomma, se considerato nell’economia del rapporto uomo-ambiente e dei suoi drammatici risvolti.
Del resto è dimostrato che la stampa e la TV raramente si occupano di cose veramente importanti e se la TV lo fa, le posteggia nel filone “documentari delle ore mezzanotte-quattro del mattino”.

In questo caso se ne sono occupati perché il fatto presenta risvolti tali da assumere un rilievo emozionale di prima grandezza, con l’uomo assassino che uccide un povero leone e che lo fa così, per giocare e per compiacersi e, ovviamente, pagando.

Si uccidono così anche gli Indios dell’Amazzonia, ma quelli non suscitano l’indignazione del web.

Tanto per unirci al giustificato e planetario coro di sdegno, però, desideriamo ricordare il nome del protagonista: un cretino come tanti cacciatori di trofei; un americano, ricco, di mestiere dentista, con la mania di farsi fotografare vicino a cadaveri e di riempirsi la casa di corna, di mummie e di teste impagliate.
Si chiama Walter Palmer ed abita nel Minnesota. Informazioni, queste ultime, destinate ai turisti giramondo, per metterli in guardia. Attenzione! Perché se capitate da quelle parti e vi salta un’otturazione, è meglio che vi presentiate in ambulatorio dopo esservi rapati a zero. Non si sa mai.

Tutto questo, tuttavia è persino risibile se confrontato con l’altro argomento di cui vorrei parlare e dunque del fosso.

Si, un fosso, proprio un fosso d’irrigazione, un banalissimo fosso perduto nella rete idrica della campagna del Basso Piave. Uno tra mille, anzi un chilometro di fosso tra le migliaia di chilometri che formano il reticolo dell’idrografia di bonifica di queste contrade.

E tuttavia un fosso speciale, per molte ragioni. Tale comunque da assumere un valore emblematico nel contesto del drammatico rapporto uomo-ambiente che distingue la nostra “civiltà” e dunque la nostra cultura e la nostra economia.

Ma di che si tratta? Vi chiederete giustamente. Bene, veniamo al dunque.

Intanto stiamo parlando del Fosso Gorgazzo, alimentato con le acque del canale Fossetta e collocato nella campagna a nordest di Millepertiche, tra questa stessa località e Musile di Piave. Un fosso speciale, semplicemente perché fino all’inizio degli anni Novanta era una sorta di giardino acquatico. Un singolare giardino lineare, con acque limpide in cui vegetavano folti banchi di ceratofillo e in cui si potevano osservare distese di ninfea bianca e di morso di rana. Un gioiello, insomma, in cui l’orto botanico spontaneo era impreziosito da migliaia di rane, da tinche e scardole, da alborelle, da lucci e da tartarughe palustri.

Questo, come dicevo, fino ai primi anni Novanta.

Poi il Consorzio di Bonifica ha cominciato la “manutenzione” mediante diserbo chimico. Simazina si chiamava il principio attivo e le prime a sparire sono state le ninfee bianche. Dopo di loro sono scomparse le tinche, a favore di legioni di carassi dorati (i “rumatera” dei Veneti, di origine cinese). Quindi è stata la volta delle rane, la cui popolazione è stata letteralmente decimata. Nel frattempo sono giunte le tartarughe palustri americane dalle guance rosse, che gli amanti degli animali hanno “restituito alla libertà”.

Ma quando sono passato, ieri, per il sopralluogo che riservo annualmente a questo fosso per una ragione d’affetto, non ho potuto trattenere il mio sdegno. Il fosso è infatti deserto: non c’è più un frammento di pianta acquatica, sul fondale melmoso si osservano le scie dell’anodonta di Wood (grosso bivalve esotico, unica forma di vita); le ultime rane sono scomparse e sulle sponde crescono soltanto erbacce.

Ora, la domanda è sempre la stessa: ma dove stiamo andando? Altroché leone, ma guardiamoci intorno, per favore! 

Michele Zanetti

 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 31 Luglio 2015 21:24)

 

Commenti   

 
0 #3 Zac 2019-10-04 11:46
Hi admin I have a free $100 google ads voucher to give away, because i don't
even know how to use it. I'm gonna give it away for a small
favor. I just ask you to vote for my picture on this
site: girlssnapshots. com/profile/pet iteNadia: https://google.co.uk
Then send me your nickname to my e-mail and i will send you voucher.
Citazione
 
 
0 #2 Flossie 2019-09-30 05:45
I can see that your site probably doesn't have much
traffic. Your posts are awesome, you only need more new
visitors. I know a method that can cause a viral effect on your website.
Search in google: Jemensso's tricks

Visit my homepage: 73Ross: https://Maricruzfat.blogspot.se
Citazione
 
 
0 #1 Jodi 2019-09-17 08:42
Hi. I have checked your amicaterra.org and i see
you've got some duplicate content so probably it is the reason that you don't rank hi in google.
But you can fix this issue fast. There is a tool that generates
articles like human, just search in google: miftolo's tools

Feel free to visit my blog ... AngeloBig: https://KamiTalks.jimdo.com
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Notizie in breve
Prev Next

Per lo sviluppo sostenibile dell’Italia …

Roventini (Scuola Superiore Sant'Anna): «Permetterebbe di sviluppare nuove tecnologie, creare nuovi posti di lavoro, nuove imprese e portare di l'Italia sulla frontiera tecnologica di nuovi settori di ...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2019 Hits:13 Ultime

Read more

Le api riciclano la plastica, il perché …

Le api stanno riciclando la plastica per utilizzarla nella costruzione dei propri rifugi: perché non si tratta di una buona notizia. Le api riciclano la plastica per costruire le...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2019 Hits:17 Ultime

Read more

Cnr: «Centrale a carbone Tirreno Power: …

Centrale a carbone Tirreno Power: per il Cnr (Istituto di fisiologia clinica) si riscontra un +49% della mortalità in 12 anni. Lo studio è stato condotto su oltre...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2019 Hits:14 Ultime

Read more
Chi è online
 17 visitatori online
Visitatori dal 2/6/2010
305845
OggiOggi4
IeriIeri109
Questa settimanaQuesta settimana113
Questo meseQuesto mese1825
TuttiTutti305845
Area riservata