Home Post Caccia: sondaggio

Blog Amica Terra

Notiziario

Libri consigliati

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle novità del sito tramite la nostra newsletter

Name:

Email:

Caccia: sondaggio PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 28 Novembre 2010 00:00

 

L’Italia non ama la caccia, chiede di abolirla o ridurla e domanda più
sicurezza rispetto al rischio doppiette. Questioni che non possono più
essere ignorate”
. Lo sottolinea la LIPU-BirdLife Italia a proposito del
sondaggio sulla caccia realizzato dalla Ipsos per il  ministro del Turismo
Michela Vittoria Brambilla.


“Il sondaggio Ipsos – sostiene la LIPU - conferma pienamente, e anzi
rafforza, l’immagine di un Paese che non ama l’attività venatoria, che la
considera un’inutile crudeltà e che vorrebbe fortemente limitarla o
addirittura, in percentuali molto alte, abolirla del tutto.
 

“Tra i tanti dati rilevanti del sondaggio, è bene evidenziarne alcuni: il 73%
degli italiani chiede di contenere la stagione di caccia al massimo tra i mesi
di ottobre e dicembre; l’82% chiede il divieto di caccia agli uccelli migratori;
il 78% desidera che sia aumentato il numero delle specie non cacciabili.
Dati inequivocabili, in parte già emersi da autorevoli ricerche recenti ma che
il sondaggio Ipsos-Ministero del Turismo mostra con ancora più vigore, anche
perché acuiti dai paradossali tentativi, da parte dei cacciatori ultrà, di
ampliare addirittura le maglie della caccia italiana.


''Finiti i tempi della caccia come mezzo di sostentamento o attività
tradizionale da preservare –
prosegue la LIPU - oggi la caccia e' considerata
dalla maggioranza degli italiani come un'esperienza avulsa dalla realtà' e
lontana dalle sensibilità' diffusa, che vede invece nella ura una dimensione
da vivere, in pace e serenita', e negli animali selvatici degli esseri senzienti
da conoscere e rispettare.


“Ma ci sono altri dati su cui riflettere, e riguardano il serio problema della
sicurezza: i
l 74% degli italiani chiede che la caccia sia vietata di domenica e
nei giorni festivi; l’80% teme le escursioni durante la stagione di caccia;
l’85% chiede di aumentare le distanze di sparo da oasi e sentieri; l’87%
chiede che la licenza di caccia sia concessa non prima dei 21 anni e non
dopo i 70.

“C’è infine – sottolinea la LIPU -  il dato di quell’80% di italiani che chiede lo
stop al libero ingresso dei cacciatori nei terreni privati
, attualmente
consentito dall’articolo 842 del Codice Civile. Si tratta di una norma piuttosto
pesante, che se da un lato ha garantito la cosiddetta “caccia sociale” e
della “gestione”, dall’altro penalizza in modo serio coloro che vivono in
campagna. Gravemente sottovalutata dagli stessi cacciatori, questa
problematica rischia oggi di deflagrare, considerati i disturbi provocati dai
fucili sempre più potenti, gli incidenti di caccia che si susseguono e
l’inadeguatezza delle misure di sicurezza, tra cui ad esempio le distanze
minime dalle abitazioni per l’esercizio della caccia.
 

“Sono questioni che non possono più essere ignorate e a cui la politica,
nazionale e regionale, deve dare risposte coerenti – conclude la LIPU -
anziché continuare a piegarsi alle pressioni delle piccole lobby venatorie, tra
mancate tutele, caccia in deroga e infrazioni comunitarie.”

 

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Aprile 2015 22:37
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Notizie in breve

Prev Next

Trivelle, via libera dal ministero della…

Nelle ultime settimane il nuovo dicastero ha firmato sette decreti di Valutazione di impatto ambientale che riguardano rinnovi di concessioni, progetti di messa in produzione di pozzi...

Administrator - avatar Administrator 09 Apr 2021 Hits:199 Ultime

Read more

Skye Neville: una bambina gallese contro…

Si ispira a Greta Thunberg, dei Fridays for future. È promotrice di una campagna su Change.org contro i gadget delle riviste per i bambini Ad agosto 2018 Greta Thunberg, l’attivista ora...

Administrator - avatar Administrator 26 Mar 2021 Hits:205 Ultime

Read more

Lista rossa Iucn: le due specie di elef…

  A forte rischio estinzione anche una specie di acacia australiana colpita dai mega incendi   Dopo il declino della popolazione che dura da diversi decenni a causa del bracconaggio...

Administrator - avatar Administrator 26 Mar 2021 Hits:17015 Ultime

Read more

Allevatori e lupi,sulla Maiella una conv…

(ANSA) - PESCARA, 24 MAR - L'esperienza degli allevatori della Maiella e il cammino fatto dal Parco Nazionale per favorire la coesistenza tra grandi carnivori e attività dell'uomo all'attenzione della...

Administrator - avatar Administrator 26 Mar 2021 Hits:170 Ultime

Read more

La decisione del governo: via le grandi …

La decisione del governo: via le grandi navi da Venezia Il traffico dei giganti del mare dirottato, almeno temporaneamente a Marghera. L’esecutivo annuncia un concorso di idee per portarlo...

Administrator - avatar Administrator 26 Mar 2021 Hits:179 Ultime

Read more

L'Europarlamento vota per una qualità de…

  I decessi legati a tre soli inquinanti atmosferici sono 400mila l’anno, l’Italia tra i Paesi peggiori L’Europarlamento vota per una qualità dell’aria migliore, la destra italiana si oppone La risoluzione...

Administrator - avatar Administrator 26 Mar 2021 Hits:171 Ultime

Read more

Chi è online

 195 visitatori online

Visitatori dal 2/6/2010

145058
OggiOggi5183
IeriIeri5888
Questa settimanaQuesta settimana38478
Questo meseQuesto mese100000
TuttiTutti1450583

Area riservata