Blog Amica Terra
Notiziario
Libri consigliati
Newsletter

Tieniti aggiornato sulle novità del sito tramite la nostra newsletter

Name:

Email:

Home Libri recensiti

Libri recensiti

L' arca di Noè. Per salvarci tutti insieme

 

 

Un ambiente degradato non traccia solo presagi di
sventura per alcune specie di pinguini o di balene.
Il collasso dell'ecosistema prelude con ogni
probabilità a guerre e carestie, a un'enorme
frenata nelle nostre ambizioni di giustizia, sviluppo
e democrazia: senza tutelare l'ambiente sarà
impossibile raggiungere la pace, la giustizia, la
libertà e lo sviluppo.
Questo libro esamina le relazioni di questo tipo -
poco note e che stiamo poco a poco scoprendo -
come alcuni insospettabili legami fra alberi e
guerre, povertà e fiumi, democrazia e clima.
E, guardando al nostro piccolo pianeta dal punto di
vista dell'interdipendenza fra tutti gli esseri viventi,
finisce che questo libro è un grido d'allarme.
Ma non preconizza un'apocalisse inevitabile.
Al contrario, è un pressante invito ad aprire gli
occhi e a rimboccarsi le maniche, proprio perché
non tutto è ancora perduto e perché il futuro
dipenderà da scelte che possiamo ancora
compiere. Tuttavia, è un libro inquietante poiché
giunge a una conclusione fastidiosa.
La colpa del disastro - se non riusciamo a evitarlo -
non sarà solo delle multinazionali, delle lobby, dei
governi e di tutti quei "potenti" che è facile mettere
sul banco degli imputati; risolvere il problema non
spetta solo ai presidenti, ai capitani d'industria o
alle Nazioni unite.
La colpa potrebbe essere anche della gente
comune e, con certezza, nulla si potrà fare senza
un contributo assolutamente essenziale: quello di
ognuno di noi.


Grammenos Mastrojeni è un diplomatico italiano.
Dai primi anni Novanta ha intrapreso la riflessione
e una serie di ricerche sull’allora incompreso
legame fra tutela dell’ambiente, coesione umana,
pace e sicurezza: ha pubblicato il primo articolo
sull’interconnessione fra ambiente e stabilità
sociale nel 1994, anticipando il primo allarme
ufficiale emerso nel 1997 con il rapporto Geo-1
curato dal Programma delle Nazioni unite per
l’ambiente.
La sua prima monografia sull’argomento, Il ciclo
indissolubile.
Pace, ambiente, sviluppo e libertà, è stata
pubblicata nel 2002.
Ha insegnato Soluzione dei conflitti in diversi
atenei, in Italia e all’estero e, nel 2009, la Ottawa
University in Canada gli ha affidato il primo
insegnamento attivato da un’università sulla
questione Ambiente, risorse e geostrategia,
materia che continua a insegnare.
Collabora con il Climate Reality Project, iniziativa
rivolta a diffondere la consapevolezza dei rischi
legati al cambiamento climatico lanciata dal premio
Nobel Al Gore.


Editore: Chiarelettere  (collana Reverse)
Data pubblicazione: Gennaio 2014
Formato: Libro - Pag 342

 

 

La natura non bussa. Lei entra sicura

 


Un soffice Mare bagnava tutt'intorno la Casa
Un Mare d'Aria estiva
E salivano e scendevano le magiche Assi
Che navigavano senza affanni.
Il Capitano era la Farfalla
Il Timoniere era l'Ape
E un intero universo
Il felice Equipaggio

Emily Dickinson

Emily Dickinson: la natura non bussa
a cura di Gianumberto Accinelli e Giorgio Sandrolini

Anche se non è una novità si tratta di un
LIBRO DA LEGGERE E I SEMI DA COLTIVARE


Dai Giardini letterari di EUGEA, segnaliamo "La
natura non bussa, lei entra sicura
" raccolta di
poesie della scrittrice americana che fa parte di
una collana nata con l'obiettivo di creare un
giardino letterario della poesia inteso in senso
proprio: natura e riflessione letteraria intrecciate
senza alcuna soluzione di continuità.
Ognuno dei Giardini letterari è introdotto da
notizie sull'autore seguito da pagine antologiche
commentate da un naturalista.
Concludono il testo le indicazioni pratiche per la
semina delle piante selezionate per ricreare il
Giardino letterario di Emily Dickinson, i cui semi
sono contenuti in quattro bustine inserite
nell'astuccio.
Con questa collana EUGEA si propone di riportare
la Natura e la sua bellezza in città, e tutto questo
non può che avvenire attraverso l'unione delle
natura vera e propria con la cultura umana.
Coltivare la Natura significa coltivare la mente,
renderla partecipe della bellezza del kosmos che
è alla base della nostra vita e della vita degli
esseri che ci circondano.

EUGEA è uno spin off dell'Università di Bologna
Facoltà di Agraria
, fornisce prodotti progettati e testati dai ricercatori dell'Università, a garanzia
delle soluzioni proposte.

www.eugea.it
www.eugeastore.it

Editore: Eugea,
Data pubblicazione
Bologna 2010
Formato: Libro - Pag 342

 

 

Prepariamoci


 

Prepariamoci ... a che cosa?

Anche Luca Mercalli, Il meteorologo di “Che tempo che fa, cita Thomas Friedman:

E se la crisi del 2008 rappresentasse qualcosa di molto più radicale di una profonda depressione? E se ci stesse dicendo che l'intero modello basato sulla crescita che abbiamo creato negli ultimi cinquant'anni è semplicemente insostenibile economicamente ed ecologicamente e che il 2008 è stato quando abbiamo sbattuto contro il muro, quando madre natura e il mercato hanno entrambi detto "basta così"?

Se così fosse bisognerà prepararci a cambiare modello, un nuovo modello che nato da una ancor pù profonda crisi potrebbe rilevarsi però portatore di più felicità.

Una attenta analisi della realtà attuale, un libro pieno di suggerimenti per le necessarie ed improcrastinabili riduzioni di consumo di risorse.

 

Pubblicazione 2011
Chiarelettere edizioni

pp. 205
€ 14,00

 

 

 

Solar

   

 

 

 

 

Pochi altri autori riescono come McEwan a far appassionare il lettore ai destini di personaggi quantomeno discutibili, «eroi» che attraggono in misura proporzionale al disgusto che suscitano.

È il caso di Michael Beard: basso, grasso, inverosimile seduttore, fedifrago patentato e marito seriale al quinto matrimonio, a poco più di cinquant'anni è ormai uno svogliato e dispotico burocrate della scienza da quando la genialità, che pure in gioventù gli valse il Nobel per la Fisica, lo ha abbandonato.

Da successore di Einstein ad almanacco vivente dei sette peccati
 capitali  (con una certa predilezione per gola e lussuria): la parabola esistenziale di Beard sembra condurlo inesorabilmente verso la malinconica contemplazione della propria decadenza. Almeno fino al giorno in cui gli viene affidato il Centro nazionale per le energie rinnovabili: tra i suoi sottoposti non tarda a mettersi in luce un giovane, Tom Aldous, tanto brillante quanto ingenuo (almeno agli occhi del cinico Beard) nella sua aspirazione a «salvare il mondo». Eppure il progetto di Tom non è così campato per aria se, come dice, la sua scoperta è in grado di risolvere una volta per tutte i problemi energetici del pianeta. L'incontro tra il giovane ricercatore e il maturo scienziato avrà sviluppi inaspettati come solo un abile (e malizioso) architetto del romanzesco quale è McEwan riesce a concepire: un intreccio che, lungi dall'essere fine a se stesso, è l'occasione per un confronto spietato con una morale collettiva indifferente, al di là degli slogan, ai rischi del riscaldamento globale.

Con Solar è come se l'autore inglese rivedesse il detto di Marx: tragedia e farsa non devono darsi necessariamente in successione, ma possono riverberarsi l'una nell'altra nello stesso momento.

Ciò che condividono, e verso cui entrambe tendono, è la catastrofe: sia essa quella individuale di un uomo ridicolo, o quella planetaria di un'umanità che si autocondanna all'estinzione.

«Un'opera incredibilmente riuscita, forse la migliore di McEwan ad oggi».
Financial Times

Pubblicazione 2010
Supercoralli, Enauidi
pp. 346
€ 20,00

 

 

Paesaggio Costituzione Cemento

 

 

      

Paesaggio Costituzione Cemento è  il titolo del libro di Salvatore Settis  e l'oggetto dell'intervista  all'autore pubblicata Venerdì 3 dicembre su Repubblica.

Il paesaggio è il grande malato d'Italia. Quello che fu il Bel Paese fa scempio di se stesso, è sommerso dal cemento.
Che cosa sta succedendo agli italiani, che cosa ci acceca?
È ancora possibile indignarsi, recuperare memoria storica, riguadagnare spazio all'insegna della Costituzione?


Un libro da leggere in cui  Settis rileva tre paradossi:

- L’Italia è il paese con un tasso di crescita demografica
  bassissimo (quel poco che c’è è dovuto prevalentemente agli
  immigrati), eppure è da noi che il cemento consuma più
  suolo in Europa.

- Solo in Italia la protezione del paesaggio è scritta   nella   
  Costituzione ed è in Italia che vigono le migliori leggi di
  tutela: eppure il nostro è il paese più infettato  
  dall’abusivismo edilizio  e da quel sistema di deroga costante
  che autorizza legalmente di costruire in modo selvaggio. 

- Vantiamo una letteratura sterminata sul paesaggio
  (giuridica, amministrativa, storica, filosofica…), eppure nella
  sc
uola italiana non c’è verso di sentir pronunciare quella parola. 

In uscita a inizio dicembre
Passaggi, Enauidi
pp. XIV - 328
€ 19,00
                         

 

 
Altri articoli...
Notizie in breve
Prev Next

Spaghetti

Spaghetti con grano canadese, salsa di pomodoro cinese e olio d’oliva tunisino: e vai!/ MATTINALE 128. Tutti a tavola! Per mangiare che cosa? La pubblicità delle tv ci racconta che...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:6 Ultime

Read more

Tifoni, uragani...

Tifoni, uragani... Ma perché la natura è sempre più violenta? Mentre in Giappone si fa la conta dei danni causati dal tifone Jebi, nelle isole Hawaii sembra scampato il pericolo ...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:4 Ultime

Read more

Vandana Shiva ha presentato al Sana

Vandana Shiva ha presentato al Sana il manifesto Food for Health: in tantissimi ad ascoltarla Sala strapiena e tanti applausi per Vandana Shiva, presidente di Navdanya International, che, insieme a un...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:4 Ultime

Read more

Morto Fabian Tomasi, il simbolo della lo…

Aveva 53 anni, lo ha ucciso una polineuropatia tossica, che gli era stata diagnosticata dopo che aveva trascorso anni ad aprire e mescolare pesticidi in un'azienda agrizola. Fabian Tomasi è...

Administrator - avatar Administrator 11 Set 2018 Hits:9 Ultime

Read more

Estirpazione siepe a Cordignano

Comunicato stampa del 19 febbraio 2018  Ennesima batosta per i Palù di Orsago e Cordignano E' ora di dire basta!!!!!!!!!!!!!!! Come se non bastasse la sottostazione Enel, l'autostrada con relativo casello, il vecchio...

Administrator - avatar Administrator 21 Feb 2018 Hits:141 Ultime

Read more

L'abete più alto d'europa è caduto

Come tutti gli alberi e come non accade più agli umani erranti, è morto nel posto esatto dove è nato dal suo seme, da cui non si è mai...

Administrator - avatar Administrator 25 Nov 2017 Hits:185 Ultime

Read more
Chi è online
 6 visitatori online
Visitatori dal 2/6/2010
263937
OggiOggi20
IeriIeri132
Questa settimanaQuesta settimana972
Questo meseQuesto mese2282
TuttiTutti263937
Area riservata